• 24 GIU 21
    Servizio fiscale CGIL di Padova: arriva l’intelligenza artificiale

    Servizio fiscale CGIL di Padova: arriva l’intelligenza artificiale

    Lisa Contegiacomo, AD Caaf Cgil Padova: “Il Caaf della Cgil di Padova si è dotata, attraverso whatsapp, di un nuovo e rivoluzionario sistema informatico che garantirà ai nostri utenti maggiore autonomia ed assistenza”

    Una vera e propria rivoluzione al Caaf della Cgil di Padova. In questa settimana infatti, il servizio fiscale della Cgil patavina lancia una novità che lo proietterà direttamente nel futuro: l’utilizzo di un nuovo sistema – che si basa sull’intelligenza artificiale – per fissare gli appuntamenti per la compilazione della dichiarazione dei redditi e che andrà ad aggiungersi alle già note e consuete modalità (Centro Unico di Prenotazione o sito web).

    In pratica, attraverso whatsapp, utilizzando lo stesso numero di telefono CUP, vale a dire lo 049 7808208, sarà data la possibilità a tutti i cittadini di poter gestire (fissare, spostare, modificare) in completa autonomia e con un nastro orario ininterrotto (24 ore su 24) il proprio appuntamento.

    “Dietro a tale sistema – interviene l’AD del Caaf Cgil di Padova, Lisa Contegiacomo – ci sarà un’intelligenza artificiale in grado di comprendere le esigenze di lavoratori e pensionati; funzionerà sia attraverso messaggi scritti che orali. Un software pensato e creato proprio per andare incontro alle esigenze di tutti nostri utenti, uno strumento semplice ma al contempo efficace!”

    “La partenza di questo nuovo servizio – precisa Lisa Contegiacomo – riguarderà, in un primo momento, solo gli utenti noti al sistema, quindi coloro i quali si sono rivolti al Caaf CGIL di Padova almeno una volta per almeno un servizio, insomma utenti che già ci conoscono. Ma dopo la fase sperimentale verrà garantita anche ai soggetti che si rivolgono a noi per la prima volta”.

    “Un sistema – prosegue l’Amministratrice Delegata del Caaf Cgil di Padova –a prova di errore! Questo perché, se per un qualsiasi motivo l’utente non dovesse riuscire a fissare autonomamente l’appuntamento, il software restituirà una segnalazione direttamente ad uno dei nostri operatori che, a quel punto, chiamerà la pensionata/ lavoratrice o pensionato/lavoratore in questione, così da poter procedere per la gestione del servizio secondo le consuete modalità telefoniche”.

    “Il nostro obiettivo – conclude Lisa Contegiacomo – è quello di offrire servizi sempre più innovativi e rinnovati ai nostri assistiti, a maggior ragione dopo un periodo così difficile come quello dal quale stiamo uscendo: È ora di entrare nel futuro lasciandoci il passato alle spalle”.