• 20 MAR 22
    Modello 730: Occhio che le spese sostenute siano state effettuate in modalità tracciabile

    Modello 730: Occhio che le spese sostenute siano state effettuate in modalità tracciabile

    Il CAAF della CGIL-AGB apre le prenotazioni per il Modello 730! In Alto Adige sono stati 170.000 i contribuenti che hanno presentato il Modello 730 nell’anno 2021.

    Dall’anno 2020 è entrata in vigore la norma che obbliga il contribuente al pagamento tracciabile delle spese mediche, per aver diritto alla detrazione e al recupero del 19% nel Modello 730 e nel Modello Redditi le spese devono essere sostenute con moneta elettronica, bonifici e assegni.

    Tale norma, come già ricordato in più occasioni, colpisce soprattutto le persone più anziane perché non hanno confidenza con i pagamenti elettronici o non hanno saputo dell’entrata in vigore delle nuove regole se pur attive dal 2020. Nell’anno 2021 sono state molte le persone che hanno perso il beneficio alla detrazione per il solo motivo di non aver pagato in modo tracciabile. Si ricorda che la norma obbliga al pagamento tracciabile le spese per istruzione, spese funebri, spese per l’assistenza personale, spese per attività sportive per ragazzi, spese per intermediazione immobiliare, spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede, erogazioni liberali, spese veterinarie, spese per premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni, spese per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.

    Fanno eccezione solo le spese per l’acquisto di medicinali, che danno diritto alla detrazione e le spese sanitarie purché effettuate presso strutture pubbliche o strutture private accreditate al Servizio Sanitario nazionale.

    Attualmente la soluzione per il contribuente dichiara Marco Pirolo, Direttore del Caaf CGIL-AGB, è che se sulla fattura non è definita la modalità di pagamento e non si è conservato l’attestazione di pagamento elettronico, il contribuente potrà far attestare sul documento di spesa, da parte del percettore, di aver incassato il corrispettivo con modalità tracciabile, pertanto l’invito ai contribuenti è di verificare prima di recarsi al CAAF, che sulla fattura sia indicata la modalità di pagamento o si attesti il pagamento con la ricevuta del bancomat, carta di credito, bonifico o assegno.

    Il CAAF della CGIL-AGB ha aperto le prenotazioni per l’elaborazione del Modello 730.

    La platea interessata in Alto Adige sono 170.000 contribuenti tra pensionati e lavoratori dipendenti la scadenza per la presentazione è il 30 di settembre.

    Quest’anno il CAAF della CGIL-AGB invierà un sms 10 giorni prima dell’appuntamento prefissato, per chi volesse fin da subito vedere la data e ora dell’appuntamento prefissato potrà farlo sulla piattaforma DIGITA CGIL oppure telefonando al numero unico o WhatsApp 0471/1800335 .