• 12 OTT 22
    Prorogato il tasso agevolato per i mutui prima casa dei  giovani tra i 18 e i 35

    Prorogato il tasso agevolato per i mutui prima casa dei giovani tra i 18 e i 35

    Importante decisione dell’ultimo Consiglio dei Ministri dell’era Draghi

    Nell’ultima riunione del Consiglio dei Ministri è stato approvato un importante provvedimento a favore dei giovani tra i 18 e 35 anni che garantirà per tutti i contratti di mutuo prima casa, il mantenimento dei tassi di interesse agevolati, quindi senza gli aumenti che in questi mesi stanno colpendo gran parte delle famiglie, garantiti dal fondo nazionale di garanzia prima casa, per tutti i contratti in essere dal maggio 2021 fino ai contratti stipulati entro il 31 dicembre 2022.

    Tutti i giovani rientranti in questa fascia di età, avranno tempo fino al 31 dicembre di quest’anno per acquistare un alloggio con le agevolazioni previste, comprensive, quindi, anche di quelle sui mutui.

    In particolare, le agevolazioni consistono anche nell’esonero dal pagamento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, e, nel caso di pagamento dell’Iva, in un credito d’imposta.
    Logicamente gli alloggi dovranno avere determinate caratteristiche, non di lusso, e il mutuo potrà contare sull’agevolazione sugli interessi solo se avrà una copertura tra il 50 e l’80% del valore dell’alloggio.

    Il requisito principale resta però quello di non superare un ISEE di 40.000 euro, calcolata, visto che siamo nell’ottobre 2022, sul patrimonio 2020.

    Si consiglia  quindi ai giovani rientranti nella fascia di età 18-35 anni (36 non compiuti) potenziali acquirenti della prima casa, di munirsi prima dell’Isee, per verificare il diritto alle agevolazioni, fissando un appuntamento presso le nostre sedi Caaf e, se acquisito il diritto, di richiedere poi agli uffici competenti, per esempio, gli stessi istituti di credito, informazioni riguardanti limiti, agevolazioni, modalità di acquisto e di accensione del mutuo.